Rivedi presentazione iniziale
Luigi Einaudi "Libertà Economiche" volume 3
NOVITA'

"L'uomo morale e la rivoluzione italiana" di Paolo Bagnoli

Una lettura nuova di Piero Gobetti

COMUNICATO STAMPA

Èuscito un nuovo volume edito da Libro Aperto, la rivista di cultura liberaldemocratica diretta da Antonio Patuelli e pubblicata dalla omonima fondazione che è fruttoesclusivamente di volontariato e non ha fini di lucro. Si tratta di un volume di Paolo Bagnoli, docente di storia delle dottrine politiche, dal titolo "Uomo morale e la rivoluzione italiana - una lettura nuova di Piero Gobetti". Nel campo largo degli intellettualiitaliani novecenteschiche hanno riflettuto sulle vicende politichenazionali, Piero Gobetti è sicuramenteuno dei più originali.

Ancoraoggi, nonostantesia morto nel lontano 1926 a soli venticinqueanni, la sua figura ed il suo pensiero interessano la cultura italiana, e non solo, come dimostrauna bibliografia copiosa ed in continuo crescere. La riflessione storiografica su Gobetti nonsi è composta in un definitivo approdo d'insieme;l'interesse che suscita, generazione dopo generazione, dimostra la fecondità di un pensiero, peraltro apparentementedisorganico, che continua a stimolare percorsi critici per indagare un paese difficile e complesso quale l'Italiae sui motivi per i quali, stagione politica dopo stagione politica, la conquista della modernità sembra sempre sfuggirle.
A fronte delle grandi crisinazionali, Gobetticontinua ad offrire una griglia di suggestioni interpretative capaci di penetrare, tramite un portante dato morale, le ragioni delle nostre insufficienze collettive, dei nostri mali atavici, del perché esistano specificitàdi segno negativo che influenzano, nonostante le evoluzionirealizzate, mentalità ecarattere.

Gobetticontinua, cioè, ad offrire un modello critico che talora accende vivacissime polemiche:iericome oggi.

Gobettitestimonia anche una contraddizione profonda: di quanto, per un verso,l'Italia abbisogni storicamente di una rivoluzione di libertà e, per un altro,di come ne sia, alla prova dei fatti, impedita.

Rileggerlo, ripensarlo e ridiscuterlo, rappresentaun'esigenza viva di comprensione e di maturità; quasi un passaggio obbligatotramite cui il singolo si rapporta alla vicenda collettiva in uno sforzo di crescita morale di consapevolezza civile.

PaoloBagnoli è da sempre interessato alla figura ed al pensiero di PieroGobetti: esso ha accompagnato la sua vita da quarant'anni.

AGobetti Bagnoli ha dedicato molte pagine frutto di una frequentazione intellettualecontinua; su Gobetti e sul gobettismo Bagnoli ha continuato a riflettere sia come studioso, sia come italiano partecipe della contemporaneità politica ecivile del proprio Paese.

Se, dopo un così lungo tempoe dopo averne tantoscritto, Bagnoli è nuovamente tornato a
p
ensare Gobetti, ciò è avvenuto per lanecessità di fame una rilettura che desse ragionedella
su
a costruzione morale in relazione allavicenda italiana; di Gobetti, appunto, quale "uomo morale" che lavora perla palingenesi nazionale.

NOVITA'
5 per mille
FONDAZIONE LIBRO APERTO di Cultura Liberaldemocratica
via Corrado Ricci, 29 - 48121 Ravenna
tel. 0544 35549- 0544 212649 - tel. e fax 0544 36871
e-mail: redazione@libroaperto.it

Web design: Excogita